Blog

Insonnia : cos’è e quanti tipi ne esistono?

Insonnia e stress durante la notte
Lo stress e l’ansia attivano meccanismi che rendono difficile addormentarsi o interferiscono con il sonno. Sbadiglia, chiudi gli occhi: questo è un segnale che dovresti dormire. Ma una volta a letto, non parli davvero di dormire, o una volta che ti addormenti, ti svegli all’improvviso. I disturbi del sonno durante la notte sono molto frequenti: il 10% delle persone soffre di insonnia cronica, soprattutto le donne sopra i 50 anni, e il 30% a volte soffre di insonnia.

Sonno di qualità
Il sonno non è sufficiente per riposare, la chiave è la qualità del sonno.

Ci sono anche “dormitori lunghi”, che richiedono almeno 10 ore di sonno; e “dormitori brevi” ne richiedono solo 6 con 7-8 ore di distanza. In tutte queste categorie, al risveglio, ti sentirai riposato. D’altra parte, i pazienti con insonnia possono aver dormito solo per 7 ore, ma il tempo di sonno è molto sparso e il risveglio frequente influirà sulla qualità del riposo. L’insonnia è una persona che ha un sonno insufficiente o una scarsa qualità del sonno e non è in grado di recuperare così tanto da dover combattere la stanchezza durante il giorno.

Cos’è l’insonnia
L’insonnia è caratterizzata da difficoltà ad addormentarsi, tempo di sonno insufficiente, mancanza di sonno dovuta a risvegli intermedi e scarsa qualità del sonno.
Di solito è un sintomo di una specifica condizione fisica o psicologica, ed è il risultato di uno squilibrio causato da una specifica situazione o ambiente di vita, ma è anche una malattia primaria, non necessariamente correlata a qualsiasi altra malattia.
L’insonnia “vera” – spiega Lino Nobili, esperto in neurofisiopatologia e neuropsichiatria infantile e direttore del Centro di Medicina del Sonno dell’Ospedale Niguarda di Milano – è l’insonnia che di giorno la paga. La mancanza di riposo ha un effetto importante sulla capacità di concentrazione: una persona diventa irritabile e ha una sensazione di stanchezza permanente». L’insonnia è una delle cause dell’aumento dello stress e può portare allo sviluppo di malattie cardiovascolari. Pertanto, il trattamento del sonno ha un effetto positivo sull’ipertensione e sulla salute generale. Ci sono molte forme di insonnia, come quella da stress e la paradossa.

Insonnia da stress
Non sempre è possibile fermarsi durante il giorno, e quando le conseguenze si ripresentano di notte, sono “dolori”. Emozioni e psicologia sono in realtà strettamente legate al sonno: la nostra vita durante il giorno può avere un impatto di notte. Lo stress e l’ansia attivano i meccanismi ormonali, ci tengono svegli, e interrompono la naturale riduzione del cortisolo durante la notte, lasciandoci in uno stato di continua “eccitazione”. «Molte volte – ha spiegato Nobili – l’ansia di non andare a dormire gioca un ruolo altrettanto importante. La paura di andare a letto e le future notti insonni creeranno così tanto stress che è impossibile addormentarsi». “Il sonno – continua l’esperto – è profondo per le prime 3-4 ore. Poi si entra nella fase REM, la fase in cui si sogna, poi il sonno si fa più leggero e ci si muove lentamente verso il risveglio. Quelle dormono frammentate E le persone che entrano nel profondo Al mattino sperimenteranno una sensazione chiamata “sonno ubriaco” quando si alzeranno: mal di testa, vertigini e “salita” all’inizio della giornata. Le persone che vivono in questa situazione tendono a sviluppare comportamenti che rendono il sonno più pericoloso, come prevedere l’ora di andare a letto e pensare di poter riposare più a lungo. Inoltre, è sconsigliato surriscaldare il corpo, perché uno dei nemici del sonno è anche il calore: quindi, non fate un bagno caldo o fate attività fisica vigorosa prima di andare a letto. Il momento migliore per dormire è quando il nostro corpo inizia a perdere inconsapevolmente calore, fenomeno che si verifica naturalmente la sera.

Insonnia paradossa
Un altro tipo di insonnia legata allo stress è l’insonnia paradossa. Le sue caratteristiche sono spiegate dal termine “paradosso”, cioè l’illusione tra il sonno reale e il sonno percepito. I pazienti pensano di poter rimanere svegli tutta la notte, ma quando eseguono un test strumentale, scoprono che stanno effettivamente dormendo, ma il loro sonno è instabile e spesso si svegliano, il che può durare solo pochi secondi. L’insonnia paradossale è una forma grave, sopravvaluta il tempo per svegliarsi, ne soffrono parecchie persone, nella maggior parte dei casi sono donne sopra i 50 anni. «Il cervello di queste persone – ha spiegato Nobili – non riesce a dormire nel suo insieme: una parte è sempre “connessa”, il che significa che non possono percepire il sonno profondo perché alcune aree del cervello sono ancora sveglie. Al mattino c’è un senso di stanchezza che non spegne mai il cervello». Il rischio che queste persone corrono è l’abuso di droghe.

, , ,
Text Widget
Aliquam erat volutpat. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Integer sit amet lacinia turpis. Nunc euismod lacus sit amet purus euismod placerat? Integer gravida imperdiet tincidunt. Vivamus convallis dolor ultricies tellus consequat, in tempor tortor facilisis! Etiam et enim magna.