Blog

Smartwatch – SmartBand e Sleep Tracker , quanto possiamo affidarci al monitoraggio del sonno?

Innovativi , belli e pratici: i cosiddetti tracker del sonno sono l’ultima moda, orologi e dispositivi che ci permettono di monitorare e migliorare il nostro sonno. Ma sono davvero efficaci?
Orologi intelligenti, bracciali intelligenti e tracker di attività: cosa fanno e come monitorano il sonno?
Al fine di monitorare il nostro riposo, il mercato offre una vasta gamma di dispositivi e applicazioni con caratteristiche e funzioni specifiche.
Trovare il proprio metodo non è sempre facile, quindi ecco un breve elenco delle principali soluzioni disponibili: SmartBand – Smartwatch o Activity Tracker.

Smartwatch – L’orologio intelligente
Rispetto ad altri dispositivi, questi dispositivi sono più complicati e costosi perché hanno le stesse funzioni, applicazioni, notifiche e allarmi, quindi possono funzionare in modo autonomo. Oltre al GPS, sono anche dotati di sensori per monitorare il battito cardiaco e i modelli più avanzati possono misurare anche la pressione e la temperatura corporea. Grazie a sensori e algoritmi più avanzati e a più dati registrati, possono fornire risultati più accurati e informazioni più dettagliate.
Infatti, sono autorizzati a sapere: tempo trascorso a letto da svegli, tempo di sonno effettivo , la percentuale di sonno “riparatore” rispetto al sonno totale, qualità del sonno, rilevatore di attività o rilevatore di sonno.

Braccialetto intelligente – SmartBand
Come suggerisce il nome, “band” vuol dire fascia, questi bracciali devono essere indossati al polso ed essere in grado di comunicare e sincronizzarsi con le relative applicazioni installate sul telefono. Le funzioni previste, oltre al più classico contapassi e monitoraggio e calcolo del consumo calorico, sono proprio la funzione di tracciare il nostro riposo.

Sleep Tracker o Activity Tracker
Questi dispositivi sono più professionali dei bracciali intelligenti, ma più semplici degli smartwatch, e rappresentano la via di mezzo tra le due soluzioni.
Sono dotati di sensori e GPS per monitorare le diverse attività sportive che svolgiamo durante la giornata e calcolare il chilometraggio, la velocità di guida e le calorie bruciate.
Inoltre, analizzano il nostro sonno e registrano il nostro battito cardiaco ed eventuali movimenti durante la notte. La maggior parte dei modelli di base (e più economici) di Activity Tracker traccia il sonno correlando la frequenza cardiaca e il movimento del corpo. Dopo la connessione a uno smartphone, consentono di ottenere le seguenti informazioni : tempo di sonno “profondo”, tempo caratterizzato da uno stato di eccitazione cardiaca e motoria, ora del risveglio, tempo di sonno effettivo.
L’aumento delle apparecchiature di monitoraggio ha spinto la Rush University School of Medicine di Chicago a condurre una ricerca, che è stata successivamente pubblicata sul Journal of Clinical Sleep Medicine.
Secondo le statistiche fornite, lo studio mostra che studiando attentamente i parametri indicati dall’applicazione, la percentuale di utenti preoccupati soffre di “insonnia”.
Questo stato di ansia li fa desiderare di migliorare sempre di più il loro riposo. . Data l’interessante – certo non scientifica – natura dei suddetti dispositivi, questo atteggiamento diventa pericoloso, soprattutto quando i parametri del buon sonno utilizzati dall’app non sono coerenti con i dati personali raccolti dall’utente stesso, l’utente può essere convinto di dormire . Poiché il sistema di analisi non è sempre affidabile, questa deviazione deve essere negativa perché spingerà l’utente a modificare le abitudini effettivamente corrette. Infatti, molti dei casi emersi nell’indagine si riferiscono a pazienti che chiedono aiuto a centri specializzati per curare i disturbi del sonno rilevati attraverso l’utilizzo di questi tracker, ma analisi più serie lo smentiscono.

Sono efficaci?
Il sistema di monitoraggio del sonno è uno strumento innovativo e interessante che può mantenersi in salute monitorando le prestazioni sportive, le linee e persino la qualità del sonno. Tuttavia, tieni presente che si tratta ancora di soluzioni prive di una reale attendibilità scientifica, sia nelle indagini che nei suggerimenti forniti. Pertanto, se i risultati non sono positivi, non lasciarti influenzare e non modificare le tue abitudini prima di parlare con uno specialista del sonno.

, , ,
Text Widget
Aliquam erat volutpat. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Integer sit amet lacinia turpis. Nunc euismod lacus sit amet purus euismod placerat? Integer gravida imperdiet tincidunt. Vivamus convallis dolor ultricies tellus consequat, in tempor tortor facilisis! Etiam et enim magna.