Blog

Pro e contro del sonno polifasico

Si dice che il sonno polifasico sia una cosa completamente nuova per quasi tutti coloro che sono abituati a seguire un ritmo circadiano o ad alternare ritmi sonno-veglia in base al giorno e alla notte . In realtà è un metodo e una ricerca, i suoi risultati non sono stati scientificamente provati (sicuramente sconsigliato per determinate categorie di persone, ne parleremo più avanti), e il suo focus non è sul metodo di ricerca ma sulla qualità del sonno stessa.

Fasi e durata del sonno: ci è sempre stato detto che la “dose” corretta di sonno per un individuo è di sette-otto ore per notte. Ma siamo anche ben consapevoli che durante questo periodo il sonno ha completato diversi cicli, con cicli diversi, durate diverse e intensità diverse, che influiscono sulla quantità effettiva di riposo e sulle prestazioni del corpo umano. Infatti, se c’è uno stadio REM, il sonno più profondo, quando il corpo è completamente rigenerato, tutti gli organi sono effettivamente a riposo, e ce ne sono altri (come il pre-sonno o il sonno leggero) in cui siamo parzialmente attivi, e una volta sottoposti a un po’ di stimolazione, ci svegliamo facilmente. Quindi la premessa del sonno polifasico è di concentrare tutta la tua attenzione sulla fase più profonda del sonno, non durante il giorno o provando a dormire solo di notte, ma cercare di massimizzarlo prendendo piccole quantità di microsonno durante il giorno. Il corpo così riceve più energia. Diventa più “persistente” e produttivo. Sonno polifasico: sono stati ideati diversi metodi di sonno polifasico, incluso il più comune sonno bifasico, che consiste in un riposo notturno di circa 4 ore e un riposo pomeridiano di 90 minuti. Pertanto, il tempo totale di riposo giornaliero è di circa cinque ore e mezza.

Ci sono poi i metodi Everyman, Dymaxion e Uberman, che in maniera più intensa, e quindi più problematica, riducono il riposo notturno, favorendo così più microsonno durante il giorno. Soprattutto durante la fase Uberman, dormiamo 6 volte al giorno per 20 minuti. Persone per cui é sconsigliato il sonno polifasico: atleti, infermi, persone a dieta o soggetti a cambiamenti del ritmo e dello stile di vita.

Per testare i principali benefici del sonno polifasico (nessuna convalida oltre i 6 mesi finora), è necessario mantenersi in forma e non seguire un regime rigido come un atleta professionista.

Qualità del sonno

Per migliorare la qualità del sonno si consiglia un materasso e un supporto di qualità, sia per chi segue i ritmi circadiani, sia per i fautori di un approccio polifasico.

, , ,
Text Widget
Aliquam erat volutpat. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Integer sit amet lacinia turpis. Nunc euismod lacus sit amet purus euismod placerat? Integer gravida imperdiet tincidunt. Vivamus convallis dolor ultricies tellus consequat, in tempor tortor facilisis! Etiam et enim magna.